a Parise ruberei la padronanza di linguaggio, a McEwan la capacità di introspezione, a Bukowsky la sincerità

Scrittore, a volte fotografo

Ciao, ti do il benvenuto nella mia pagina.
Penso sia giusto raccontarti in poche parole il mio percorso come scrittore.
Ho scritto i primi racconti alle scuole elementari, negli anni settanta, ma gli unici miei lettori erano i compagni di classe, obbligati dalla maestra ad ascoltare. Qualche racconto più maturo è arrivato negli anni ottanta, pubblicato su riviste letterarie.
Il mio primo romanzo (L’Uomo Tatuato - 2006) è uscito per un editore che ha pensato bene di non pagarmi mai. La mia storia d'amore con le case editrici è iniziata così: con un coitus interruptus, il che è curioso visto che il romanzo era piuttosto piccante. L'Uomo Tatuato uscì per un’altra casa editrice quattro anni più tardi, poco prima del suo sequel (L’Ultimo Tatuaggio - 2012). Dimostrando una certa coerenza, ho scelto anche questa mia seconda casa editrice tra quelle con il vizietto di non arrivare mai a fare i conti coi propri autori.
E così ho divorziato, ho detto addio all’editoria tradizionale e sono diventato un indipendente. O Indie, che fa più figo.
Da allora la mia produzione si è arricchita di molti altri romanzi, diversi dei quali dedicati alle indagini del commissario Gelsomino, (Nel Tuo Sangue - 2015, Ego Me Absolvo - 2017, La Madre - 2020, Le Sepolture - 2021) che occupano ormai da anni stabilmente i primi posti delle classifiche del giallo procedurale sulla piattaforma Amazon.
Il mio mio (sì, due volte mio) romanzo preferito è Le Comete, del 2019, ed essendo il mio preferito è ovvio che non se lo fila nessuno. Quindi leggilo, per favore.
Prima di dedicarmi principalmente alla scrittura esercitavo anche come fotografo, con una mia produzione artistica. Ora la mia attività fotografica è un passatempo che mi consente di alzare il sedere dalla scrivania e guardare il mondo com'è davvero, prima di scriverne.

Premi


 
La Madre - romanzo finalista al concorso Amazon Storyteller 2020

Le indagini del comissario Gelsomino

È salentino. Non ha hobbies o vizi particolari. Solo qualche problema con le donne. Procede a tentoni, spesso sbaglia strada, ma non si risparmia mai. Si chiama Luigi Gelsomino, è un commissario in forza alla Polizia di Lecce e si occupa di strani omicidi nel Sud del Salento. Aveva gli addominali scolpiti, una volta, ma ora non si vedono più.

Le Sepolture (Gelsomino Vol. 4)

Esseri umani, rifiuti tossici e i ricordi di un amore. Tutto ciò che può essere sepolto, può essere riesumato con dolore. La quarta indagine del commissario Gelsomino si snoda un po’ sopra e un po’ sotto il livello del suolo, ma sopratutto un poco sopra e un poco sotto il livello dell’emotività, nell’indecisione di quali voci della propria coscienza ascoltare e quali altre seppellire per sempre.

Dopo il successo de La Madre, risultato nella cinquina finalista del concorso Amazon Storyteller 2020, Marco Lugli propone ai suoi lettori il quarto romanzo dedicato al commissario leccese Luigi Gelsomino. Con l’occhio di uomo del nord emigrato in terra salentina, Lugli racconta il Salento odierno, usato e abusato, eppure sempre capace di ammaliare coi suoi colori, i suoi venti e la peculiarità delle persone che ne costituiscono l’anima.

La Madre (Gelsomino Vol. 3)

È il parto di una ragazza madre, l’innesco del caso di omicidio che riporta il commissario Luigi Gelsomino al centro dell’azione investigativa dopo mesi di aspettativa. Nella sua Lecce, la città dove ha vissuto, dove si è sposato e dove ha sempre lavorato, alcuni fantasmi sembrano materializzarsi e interferire nell’indagine con i loro messaggi provenienti dal mondo dei morti. E se il periodo di riposo lo aveva illuso di essersi liberato della zavorra del suo doloroso passato e di averlo preparato a spiccare un salto verso il futuro, è un intreccio di morte e nuova vita a tenerlo ancorato a terra.
Un Salento arido eppure generoso di emozioni, fa ancora da sfondo a questa terza indagine di Gelsomino e sospinge il lettore tra Lecce e il Capo di Leuca, in balia dei venti di Scirocco e Tramontana.

>>> ROMANZO FINALISTA AL PREMIO LETTERARIO AMAZON STORYTELLER 2020 <<<

Ego Me Absolvo (Gelsomino Vol. 2)

Il commissario Gelsomino torna protagonista in un nuovo caso di omicidi seriali, in prima battuta passati inosservati.
A Sulrano, nel cuore del Salento, non sembra stupire nessuno che le persone possano morire per effetto del veleno del ragno mitico, la Taranta.
Le autopsie confermano la presenza del veleno del ragno, ma il commissario leccese Luigi Gelsomino è convinto che Sulrano sia solo un luogo dimenticato dallo scorrere del tempo e che, coperto dall’indifferenza dei suoi abitanti, qualcuno stia uccidendo indisturbato.
Catapultato suo malgrado all’interno di una comunità stantia e omertosa, il poliziotto è costretto a percorrere sentieri investigativi inesplorati, a decidere se il repentino sgretolarsi della propria integrità morale e professionale sia l’equo prezzo da pagare pur di raggiungere la verità.

Nel Tuo Sangue (Gelsomino Vol. 1)

Morciano di Leuca, sud Salento. Teatro insolito per un omicidio rituale. Valentina Medici è stata prima sedata, poi uccisa per dissanguamento da due tagli longitudinali sul polso. Lo scrittore Paolo Bernini, marito della donna, riconosce in questo rituale le modalità con le quali dieci anni prima venne uccisa la sua prima moglie. Questo legame col passato è la traccia dalla quale parte l’indagine del commissario leccese Luigi Gelsomino, che non vuol sentir parlare di serial killer, ma che è pronto a rinnegare il suo fiuto, se le prove dovessero condurlo in quella direzione.
Un thriller che si dipana a cavallo tra il sole salentino e le nebbie padane. Un rompicapo bagnato dal sangue versato da una misteriosa setta di giovani letterati e dove tutti possono essere colpevoli, ma nessuno potrà risultare del tutto innocente.

Prima che il Giallo Canti (Antologia)

Volume che raccoglie le prime tre indagini del commissario Gelsomino

Nel Tuo Sangue (Audiobook)

Ascolta un estratto dell'audiolibro

edizioni speciali e in lingua straniera

In Your Blood

The small village of Morciano di Leuca on the southern tip of the region of Apulia in Italy is the unusual setting for a ritual murder. Valentina Medici is initially sedated, then dies due to loss of blood from cuts on her wrist. The victim's husband recognizes the same methods that were employed in the murder of his first wife, ten years beforehand. This link with the past is the initial point from where an investigation starts, led by Lecce police Commissario Luigi Gelsomino. Although he doesn't want to to believe it's a serial killing he's willing to change his mind if the evidence makes him. A thriller that unwinds from the seaside sunshine to the foggy northern Italian plains. A riddle wet in the blood spilt by a mysterious sect of young literati, among whom anyone could be guilty and no-one can be completely innocent.

In Jouw Bloed

Morciano di Leuca, een kalm dorpje in de hak van de Italiaanse laars. Een ongebruikelijke omgeving voor een rituele moord. Valentina Medici werd verdoofd en bloedde dood nadat haar pols was doorgesneden.Paolo Bernini, de echtgenoot van Valentina, herkent in dit ritueel de manier waarop zijn eerste vrouw tien jaar eerder ook al werd vermoord. Deze band met het verleden is het uitgangspunt voor het onderzoek van Luigi Gelsomino, de politiecommissaris uit Lecce, die niets wil weten van seriemoordenaars, maar bereid is alles te accepteren als de bewijzen hem in die richting zouden leiden.
In jouw Bloed is een typisch Italiaanse politieroman die zich afspeelt onder de zon van Apulië en de mist van de Povlakte. Een puzzel badend in bloed vergoten door een mysterieuze sekte van middelbare scholieren die van literatuur houden, waar iedereen schuldig kan zijn, maar niemand volledig onschuldig is.

Ego Me Absolvo
(Ed. Lim. dialoghi in dialetto salentino)

Il commissario Gelsomino torna protagonista in un nuovo caso di omicidi seriali, in prima battuta passati inosservati.
A Sulrano, nel cuore del Salento, non sembra stupire nessuno che le persone possano morire per effetto del veleno del ragno mitico, la Taranta.
Le autopsie confermano la presenza del veleno del ragno, ma il commissario leccese Luigi Gelsomino è convinto che Sulrano sia solo un luogo dimenticato dallo scorrere del tempo e che, coperto dall’indifferenza dei suoi abitanti, qualcuno stia uccidendo indisturbato.
Catapultato suo malgrado all’interno di una comunità stantia e omertosa, il poliziotto è costretto a percorrere sentieri investigativi inesplorati, a decidere se il repentino sgretolarsi della propria integrità morale e professionale sia l’equo prezzo da pagare pur di raggiungere la verità.

Le Comete

Uno scrittore e una giovane fotografa vivono un amore coinvolgente e cristallino. Così immersi nel loro meraviglioso presente, hanno dimenticato di raccontarsi il loro passato, che si manifesta in modo improvviso, sporcando la loro tranquillità col peggiore dei sospetti. In riva al mare del Salento, in un mattino d’inverno, i due innamorati si aprono al racconto delle loro vite e cercano di capire se il loro amore è più forte del segreto che quel passato potrebbe nascondere.

"Una storia d'amore degna di entrare tra i classici della narrativa contemporanea. Il quinto romanzo di Marco Lugli è una esplorazione profonda del rapporto di coppia, un racconto senza sconti della potenza taumaturgica e distruttrice dell'essere amati e innamorati. Attingendo dal bagaglio della sua esperienza di giallista, l'autore crea un dilemma narrativo sincopato, fatto di sospensioni, stalli e ripartenze che mantiene il lettore, così come i protagonisti, in bilico tra il desiderare di conoscerne la soluzione o fingere che essa non esista."


" Una narrazione che tiene incollato il lettore fino all' ultima parola. La forza di un grande amore che prende consapevolezza della sua profondità attraverso un passato che raffiora insieme a parole non dette verità nascoste e ferite mai sanate. Scelte subite, scelte mai fatte si alternano dando vita ad interrogativi che portano ad una scelta finale che il lettore attende con ansia.
Impossibile non soffermarsi sugli interrogativi che gli stessi protagonisti sollevano."

Cliente Amazon

La storia dell'Uomo Tatuato

L'Uomo Tatuato - Vol. 1

Divertente, sarcastico e terribilmente HOT. Questo è l'Uomo Tatuato: l'odissea erotica di Michele Licometti, un ragazzo di vent’anni alle prese con le prime esperienze sentimentali. Al termine di ogni relazione erotica, sul suo corpo, come per magia, compare un tatuaggio. Ciascun disegno, ora blasfemo e terrificante, ora ingrato e pacchiano, è comunque sempre drammaticamente reale nel descrivere come l’esperienza sia stata vissuta nell’intimità del suo inconscio. La psiche di Michele, pittore fantasioso e implacabile, usa la sua pelle come una tela bianca sulla quale vomitare i colori delle emozioni, dei pensieri e delle debolezze più intime. Tra rabbia, vergogna e desiderio di riscatto, la vita di Michele e i suoi pensieri ci accompagnano in un ventennale cammino d'introspezione. Un po’ romanzo di formazione, un po’ saga generazionale, l’Uomo Tatuato è più probabilmente una storia surreale a tinte PORNO in cui il sesso si fa metafora di vita e leggendo la quale si ride, si piange e sopratutto si riflette sul proprio rapporto di coppia.

L'Ultimo Tatuaggio (L'Uomo Tatuato Vol. 2)

Amicizia, amore e tradimento sullo sfondo della maledizione di un corpo istoriato dalla vita. Il personaggio di Michele Licometti torna in una nuova storia ricca dell’approfondimento psicologico, l’ironia e il potente erotismo cui Marco Lugli ci ha abituati ne “L’Uomo Tatuato”. “Le persone nascondono le loro debolezze. Queste debolezze derivano da esperienze di vita. Sono ferite dell’anima che si curano, ma che lasciano cicatrici. Pochi hanno il coraggio di mostrare al mondo queste cicatrici perché raccontano sbagli, amori perduti, sofferenze. I tatuaggi possono aiutare o costringere queste persone a mostrare chi sono davvero.”